giovedì 18 marzo 2010

Gianni Rodari e i Limerick: intervento di Alessandra alla Fiera del Libro di Bologna

Sai che cos'è il limerick? è un nonsense in rima di 5 versi, reso popolare nell'Inghilterra del XIX secolo da Edward Lear, che arricchiva queste poesie con i suoi disegni (altrettanto curiosi).

Eccone un esempio con traduzione di Carlo Izzo e disegno dell'autore:

There was an Old Person of Pinner,
As thin as a lath, if not thinner,
They dressed him in white,
And roll’d him up tight,
That elastic Old Person of Pinner.


limerick edward lear
Anche lo scrittore Gianni Rodari si è cimentato nel limerick:

Una volta un dottore di Ferrara
Voleva levare le tonsille a una zanzara.
L'insetto si rivoltò
E il naso puncicò
A quel tonsillifico dottore di Ferrara.


In sostanza, lo schema di rime del limerick è AABBA, e l'ultimo verso riprende il primo inserendo una piccola aggiunta che rende ancora più divertente il nonsense.

Dei rapporti tra Rodari e i limerick, e delle difficoltà che questi ultimi pongono ai traduttori, parlerà Alessandra alla Fiera del Libro per ragazzi di Bologna, martedì 23 marzo alle 16.30, allo spazio traduttori. Se vieni sarà un piacere incontrarsi!

Se l'argomento ti interessa, puoi approfondirlo leggendo questo nostro articolo su Traducendo Mondi dedicato alle sfide poste dalla traduzione dei limerick, questa pagina sulla storia del limerick in Italia e questo blog in inglese su Lear e le sue opere, molto completo.

4 commenti:

  1. Questo mi ricorda le filastrocche e le conte che recitano i miei figli e che io ho sempre definiti degli ammassi di total nonsense.

    Per esempio:

    Amblimblone la goccia di limone
    goccia d'arancia oh che mal di pancia
    stai sotto proprio tu
    amblimblu

    Oppure la cara vecchia ambarabaccicciccocco ecc. Non sono dei limerick in senso stretto ( ma io vedo qualche attinenza. E che dire dell'omonima città irlandese?

    Ecco una descrizione etimologica che ho trovato su Internet:

    limerick - nonsense verse of five lines, 1896, perhaps from the county and city in Ireland, but if so the connection is obscure. It is usually attributed to a party game in which each guest in turn made up a nonsense verse and all sang a refrain with the line "Will you come up to Limerick?" Or perhaps from Learic, from Edward Lear (1812-88) English humorist who popularized the form. Earliest examples are in French, which further complicates the quest for the origin. First record of the word is in a letter of Aubrey Beardsley. The place name is lit. "bare ground," from Ir. Liumneach, from lom "bare, thin."

    Un caro saluto dalla vostra collega (e gemella di Alessandra) Daniela Magnoni

    RispondiElimina
  2. Cara Daniela,
    in effetti al seminario abbiamo provato anche noi, come i tuoi figli, a inventare sul momento alcuni limerick, basandoci sulle regole formali del genere, e il risultato è stato spassoso!

    L'origine che hai segnalato per la parola "limerick" è la più accreditata; secondo un'altra scuola di pensiero i limerick sarebbero invece nati nel Settecento grazie ai Maigue Poets, che si riunivano nel cuore della contea di Limerick sulle rive del fiume Maigue.

    Poi c'è una divertente descrizione dell'Encyclopaedia Britannica del 1951: "Il limerick è [...] un tipo di epigramma licenzioso che passa di bocca in bocca più spesso sussurrato che cantato".

    Insomma, una continua scoperta!
    A rileggerci alla prossima.

    RispondiElimina
  3. ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  4. Allegra sorelli25 marzo 2012 10:49

    viva il limerick

    RispondiElimina