lunedì 25 luglio 2011

Come citare in bibliografia i libri tradotti?

Abbiamo notato che di recente qualcuno è capitato sul nostro blog facendo una ricerca su come si citano in bibliografia i testi scritti originariamente in un'altra lingua e poi tradotti in italiano. Così abbiamo pensato di fornire questa informazione per offrire un servizio sia a chi compila bibliografie sia ai traduttori editoriali (il cui nome spesso non viene citato nemmeno sui giornali che riportano ampie porzioni della loro traduzione).

Esistono molti modi di citare un testo in bibliografia: basta mettere a confronto le norme redazionali di editori diversi per rendersene conto. Tra quelli che abbiamo incontrato, ne segnaliamo uno che ci sembra molto chiaro e completo.

morte di un traduttore-martinez de pison
Prendiamo ad esempio un libro che abbiamo comprato in questi giorni e che guarda caso ha a che fare con i traduttori letterari, Morte di un traduttore (ebbene no, non siamo superstiziose...!)

Per citarlo in bibliografia dobbiamo indicare, in quest'ordine:

  • l'autore (prima il cognome, poi il nome)
  • il titolo italiano (in corsivo)
  • il nome del traduttore (prima il nome per esteso, poi il cognome)
  • la casa editrice
  • la città di pubblicazione 
  • l'anno di edizione (senza inserire la virgola tra gli ultimi due dati). 
Poi, tra parentesi:

  • il titolo originale (sempre in corsivo) 
  • la casa editrice straniera
  • la città di pubblicazione (in lingua originale)
  • l'anno di pubblicazione (senza inserire la virgola tra gli ultimi due dati).

Ecco come risulterebbe questo libro citato in bibliografia in base alla norma illustrata sopra:

Martínez de Pisón, Ignacio, Morte di un traduttore, trad. it. Bruno Arpaia, Guanda, Parma 2006 (ed. orig. Enterrar a los muertos, Seix barral, Barcelona 2005).

Et voilà, il gioco è fatto: abbiamo tutti i dati sia dell'edizione italiana sia di quella originale, compreso il nome del traduttore editoriale!


Per chi fosse interessato al libro, ecco la scheda del volume in spagnolo, mentre questa è la scheda della traduzione italiana.

Se questo post ti è piaciuto, condividilo cliccando sulle icone nel riquadro grigio sotto.

8 commenti:

  1. Ottimo questo tipo di spiegazione - è fondamenale dare delle regole precise anche nella sezione bibliografica. Ne terro' cont anch'io qualora necessario.

    RispondiElimina
  2. Ciao Elisabetta,
    siamo contente che lo trovi utile!
    A presto.

    RispondiElimina
  3. scusate se non dovessi avere nè casa editrice straniera citta di pubb e anno della versione originale metto solo il tit tra parentesi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chi,

      fai bene a sollevare la domanda perché in effetti capita spesso che l'edizione italiana non riporti i dati a cui hai accennato.
      Diciamo che la soluzione che proponiamo è quella ideale, cioè la più completa possibile, ma se sul testo quei dati non ci sono, va bene anche indicare soltanto il titolo originale.

      A presto!

      Elimina
  4. Buongiorno, avrei una domanda da porvi. Sto scrivendo la mia tesi di laurea in inglese, ma alcuni libri che ho letto, che uso come fonti, sono in italiano, tradotti dall'inglese, perché non ho trovato il testo originale. In questo caso la citazione sarà in italiano o sono obbligata a trovare il testo in inglese e utilizzare quella citazione? E se non dovessi trovarlo? Grazie in anticipo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      l'ideale sarebbe citare il testo originale.
      Hai provato a cercare su Google Books? Se prendi qualche parola chiave della citazione italiana e la ritraduci in inglese, potresti avere la fortuna di trovare tutto il brano in versione originale!

      Buone ricerche

      Elimina